RA-ME cercare coraggio/proteggere innocenza

Data / Ora
18 febbraio 2016 - 27 febbraio 2016

Categoria



residenza creativa per la produzione del nuovo spettacolo di Lara Russo
-primo periodo-

progetto selezionato da DNAppunti coreografici 2015

coreografia Lara Russo
con Davide Tagliavini, Andrea Palumbo, Corrado Monachesi
suono e tecnica Mahatsanga Le Dantec

Con il sostegno di:
Promozione Danza della Fondazione RomaEuropa
CSC Centro per la scena contemporanea Bassano del Grappa
L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino
Compagnia Virgilio Sieni/Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza di Firenze
Gender Bender di Bologna
Dom la Cupola del Pilastro
Spazio teatro  Idra di Brescia
Teatro Stalker di Biella
Leggere Strutture Art Factory Bologna
ACS Abruzzo

 

Spettacolo di danza e architettura.

La scena è abitata da tre performer uomini.
Ad ognuno è affidata un’asta di rame .
Un materiale resistente, freddo al tatto e apparentemente privo di vita si mostra nelle sue possibilità di essere agito.
Così attraverso la caduta, la sospensione e l’assemblaggio di questi tre elementi lo spazio muta insieme ai suoi corpi costantemente alla ricerca di nuove strategie di collaborazione.
Cosa costruire, e´una domanda insita nella danza stessa,
E il desiderio ne anima la ricerca.
Può rivelarsi la più grande conquista o il piú grande fallimento;
questo diventa pretesto per i tre di avvicinarsi a un dialogo fatto di responsabilità e accoglienza.
La tattilità permette esitazioni e tregue in cui incontrare un paesaggio e viverlo.

Lara Russo nasce e cresce a Milano.
Trasferitasi a Barcellona all’età di 19 per studiare fotografia all’ Institut d’Estudies Fotografics de Catalunya, inizia la sua ricerca nell’arte visuale.
Nello stesso periodo incontra la coreografa e maestra Mercedes Boronat che la introduce nel mondo del teatro-danza e allo studio del movimento a partire dalla personalità individuale. In Spagna frequenta vari corsi di tecnica release, danza butoh e contact improvisation; Nel 2005 decide di trasferirsi a Berlino dove si iscrive all’accademia di danza Buhnentanz ausbildung Balance. Vive e lavora per cinque anni nella capitale tedesca, collaborando con diversi artisti come danzatrice, coreografa e assistente alla regia.
Attualmente insegna danza contemporanea e contact improvisation a Bologna presso Leggere strutture Factory, perpetuando la sua ricerca artistica sia nel campo fotografico/video che sul terreno performativo, come coreografa e interprete. Considera la ricerca coreografica una possibilità d’incontro con l’altro per sviluppare nuovi modi di espressione: in particolare, il suo campo di d’indagine spazia dal site specific all’interazione tra danza contemporanea e arti plastiche, integrando nelle proprie produzioni danzatori e musicisti.
Dopo una residenza artistica presso Inteatro (Polverigi), nel 2013 vince il premio GD’A Giovani Danz’autori con lo spettacolo Allumin-io (sviluppato in collaborazione con Alessia Lovreglio). Residenza artistica al teatro di Ruvo di puglia.
Nella Biennale di Venezia 2013 lavora come assistente alla regia di Virgilio Sieni per gli spettacoli Agorà tutti e Madri e figli. Partecipa in qualità di danzatrice a Giudizio Possibilità Essere di Romeo Castellucci. È invitata alla prima edizione del festival Eden _Conect the dots, Roma, per presentare l’ultima produzione con 5 danzatori, “Legame”,
Finalista del festival ‘Dominio Pubblico’, con lo spettacolo ‘Legame’, che riceve la menzione speciale al festival danzè, Oriente Occidente. Riceve la borsa di studio per Ecite, incontro d’insegnanti di C.I. Ponderosa 2014. Partecipa alla biennale teatro nel workshop del regista belga Fabrice Murgie. Selezionata per il percorso Nuove Traiettorie organizzato dalla rete Anticorpi. Selezionata con i video danza “Tra” e “my parents” al festival danza in un minuto, Torino, al festival di videodanza di Bruxelles e al festival Avanti di Berlino .
Nel 2015 vince il concorso Dna Appunti coreografici a RomaEuropa Festival.

Residenze creative

18 febbraio 2016 - 27 febbraio 2016

L’arboreto – Teatro Dimora
Mondaino
RA-ME cercare coraggio/proteggere innocenza

residenza creativa per la produzione del nuovo spettacolo di Lara Russo
-primo periodo-

progetto selezionato da DNAppunti coreografici 2015

01 luglio 2016 - 10 luglio 2016

L’arboreto – Teatro Dimora
Mondaino
RA-ME cercare coraggio/proteggere innocenza

residenza creativa per la produzione del nuovo spettacolo di Lara Russo
-secondo periodo-

progetto selezionato da DNAppunti coreografici 2015


Sto caricando la mappa ....
Gli uomini sono strade...