Orgia

Data / Ora
17 maggio 2016 - 25 maggio 2016

Categoria



di Pier Paolo Pasolini

residenza creativa per la produzione del nuovo spettacolo  di Fibre Parallele

 

La mia Orgia nega la sua definizione: non più tre, ma uno. Gli altri due non ci sono e rimane solo lui , UOMO, uno qualunque che muore per sua stessa mano. Uomo Diverso, incapace di stare al mondo e che riesce veramente a comunicare con l’altro solo attraverso il linguaggio del corpo, il più violento. Ho accorpato le battute dell’UOMO facendone un unico ragionamento chirurgico e straziante su come è costretto ad affrontare la propria esistenza chi non riesce in nessun modo ad essere dalla parte del potere , ad accettare che la sua esistenza e l’altrui sia grigia, senza scelte e senza passioni.
Mi ha interessata in questo testo il fatto che l’aspetto sadomasochistico della coppia è pretesto per parlare del rapporto della diversità, esistenziale, con la storia e a questa tragedia esistenziale, si associa una riflessione sul linguaggio, cioè la negazione della lingua parlata in favore di quella del corpo.
Attraverso queste parole io ritrovo la mia fatica di stare al mondo, la mia inadeguatezza, i miei burroni, le mie paure, le mie vittorie e le mie sconfitte. Ed ecco che le parole di uomo diventano le mie parole che sono in questo gioco uomo e donna, vittima e carnefice, omicida e suicida. 
In queste parole ho cercato lo specchio della mia esistenza fatta di contraddizioni: estrema vitalità e continua prossimità alla morte.
“Infatti cara, soffocato da tutta la vita che c’è nel mio corpo,
io sono preso dalla decisione di dar morte per morire”.
Parto da qui, parto dalla lettura di queste immense parole, per ritrovarmi come donna e come artista.

Licia Lanera 


Fibre Parallele
nasce nel 2006. Il nucleo della compagnia è costituito da Licia Lanera e Riccardo Spagnulo che lavorano insieme dal 2003.
Nel Novembre 2007 Fibre Parallele produce Mangiami l’anima e poi sputala, selezione Premio Scenario 2007 e finalista al premio internazionale Vertigine 2010.
Nel Novembre 2008 la compagnia ha debuttato al Teatro Testori di Forlì, con il monologo dal titolo2.(DUE), progetto selezionato alla finale del concorso EXTRA, promosso dall’associazione GAI (Giovani Artisti Italiani) e vincitore del primo premio Fringe/L’Altrofestival al 18° Festival Internazionale del Teatro di Lugano in Svizzera.
Nel Maggio 2009 al teatro Valle di Roma, ha debuttato Furie de Sanghe – Emorragia cerebrale, coprodotto con il Teatro Kismet OperA e Ravenna Teatro/Teatro delle Albe, con il sostegno dell’ETI – Ente Teatrale Italiano e in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese, vincitore del bando Nuove Creatività. A Settembre dello stesso anno Furie de Sanghe – Emorragia Cerebrale è presentato per la prima volta all’estero, a Skopje in Macedonia nell’ambito della XIV edizione della Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo. Ad Ottobre 2009, la compagnia è invitata a Chambéry, in Francia, ai Salons professionnels di CARTA BIANCA per presentare i propri lavori agli operatori teatrali francesi, assieme ad altre cinque compagnie italiane scelte dall’Espace Malraux e dal Festival delle Colline Torinesi.
A luglio 2010, lo spettacolo  Furie de Sanghe – Emorragia Cerebrale è andato in scena al Theatre de la Ville di Parigi, nell’ambito della rassegna di teatro italiano in Francia promossa da ETI e ONDA,  nel 2013 al Festival de Liège in Belgio, nel 2014 a Berlino presso il Theater Aufbau Kreuzberg.
A Novembre 2009, cura la direzione artistica della sezione teatrale di Irruzione Pubblica, festival di teatro e arti visive presso il Teatro Kismet OperA di Bari.
Nel febbraio 2010 Fibre Parallele, nell’ambito della manifestazione promossa dalla Regione PugliaPrimavera dei diritti, crea e dirige 10 azioni performative urbane nella città di Bari coinvolgendo oltre 500 figuranti di tutte le età.
Da due anni la compagnia tiene dei laboratori-residenze con i detenuti dell’Istituto Penale Minorile Fornelli di Bari, con cui ha realizzato due studi dai titoli Homo Erectus e Juke box kamikaze.
Nel 2011 Fibre Parallele ha debuttato con due nuovi lavori: il primo, un testo del drammaturgo inglese Edward Bond, dal titolo Have I None, all’interno di TREND, rassegna dedicata alle nuove frontiere della drammaturgia britannica curata da Rodolfo di Giammarco per il Teatro Belli di Roma; il secondo è DURAMADRE, una scrittura originale di una microsocietà matriarcale in un mondo in disgregazione, coprodotto dal Festival Internazionale Castel dei Mondi di Andria (BT) e da Opera Estate Festival di Bassano del Grappa (VI).
Fibre Parallele vince il premio Hystrio-Castel dei Mondi 2011, conferito alle giovani compagnie teatrali che si distinguono su tutto il territorio nazionale.
Licia Lanera riceve il Premio Landieri 2011 come Miglior giovane attrice ed è segnalata nella terna Miglior giovane attore/attrice under30 ai Premi Ubu 2011.
Nel 2012 apre a Bari, lo spazio culturale Agli Antipodi, dove porta avanti progetti di formazione teatrale condotti dagli attori della compagnia e organizza seminari con artisti provenienti da tutta Italia. Agli Antipodi ospita in residenza anche compagnie prive di spazio prove.
Il 1 Giugno 2013 ha debuttato a Castrovillari l’ultimo spettacolo Lo Splendore dei Supplizi, finalista ai premi UBU 2013 nelle categorie migliore novità drammaturgica e miglior attore under30 a Riccardo Spagnulo.
Tra novembre e dicembre 2014 Licia Lanera vince i premi Eleonora Duse, Virginia Reiter ePremio UBU come miglior attrice italiana under 35. A Giugno 2015 debutta La beatitudine. Nel 2015 Fibre Parallele è riconosciuta Impresa di Produzione Under 35 dal MiBACT e, come tale, accede al FUS.

Prova aperta

25 maggio 2016
ore: 21:00
Entrata libera
L’arboreto – Teatro Dimora
Mondaino
Orgia
Studio

Fibre Parallele

Orgia
di Pier Paolo Pasolini.

con Licia Lanera
e  Nina Martorana
regista assistente Danilo Giuva
consulenza artistica Alessandra Di Lernia
luci Vincent Longuemare
costumi Antonio Piccirilli
dipinti Giorgio Calabrese
tecnico di produzione Amedeo Russi
assistente tecnico Cristian Allegrini
organizzazione Antonella Dipierro
regia e spazio  Licia Lanera


Sto caricando la mappa ....
Gli uomini sono strade...