Trattato semiserio di oculistica

Data / Ora
23 giugno 2017 - 01 luglio 2017

Categoria



residenza creativa per la produzione del nuovo spettacolo di Orlando Izzo e Angelo Petracca

progetto vincitore di DNAppunti coreografici 2016

Idea, creazione e interpreti Orlando Izzo e Angelo Petracca
voice over Giancarlo Zappacosta
consulenza oftalmologica Dott.ssa Alessia Scaletta
con il sostegno di Florian Metateatro e Corpografie
una produzione di Interno5
con la collaborazione di
Compagnia Virgilio Sieni- Cango/Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza di Firenze, CSC – Centro per la Scena Contemporanea/Operaestate Festival del Comune di Bassano del Grappa, Gender Bender di Bologna, Fondazione Romaeuropa, Fondazione del Teatro Grande di Brescia, L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino.

 

“Ciò che è non sarebbe e ciò che non è sarebbe!” – Alice nel Paese delle Meraviglie, Lewis Carroll

La relatività di un’azione, di un gesto quotidiano e per estensione di qualsiasi “presenza” visibile all’occhio, dà origine all’interrogativo che i due autori e danzatori si sono posti osservandosi nella creazione. Cosa c’è di vero ed assoluto nell’istinto di un movimento? L’indagine semiscientifica che durante la residenza si vuole approfondire parte dalla radice di ciò che determina in prima istanza il giudizio di una qualsiasi realtà: la vista. Tutto ciò che esiste e quindi anche tutto ciò che viene creato e danzato è, appunto, creato e danzato utilizzando la vista del creatore e la vista dell’interlocutore pubblico: cosa lo rende universale dal momento che il punto di vista può cambiare inesorabilmente a causa di sindromi che alterano la percezione visiva della realtà (Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie), di disturbi dell’occhio o anche a causa di distanze e prospettive differenti rispetto al luogo della performance?

 

Orlando Izzo studia con artisti nazionali e internazionali. Dal 2014 lavora in Iperrealismi di Helen Cerina. Ha partecipato all’edizione 2015 di Nuove Traiettorie XL – percorsi di formazione per giovani autori | azione Network Anticorpi XL coordinata dall’Associazione Cantieri e a Volcano #2 – coreografia e complessità diretto Simona Bertozzi e Enrico Pitozzi. Collabora in Kyūjo di Annalì Rainoldi e in ACROSS THE BORDER di Antonello Tudisco. Selezionato per la Vetrina della Giovane Danza d’Autore 2016 con VIB – Vibrations in body. Nel 2016 danza per Daniele Ninarello in Blink of Liberation.
Angelo Petracca si perfeziona e lavora nella compagnia ATON Dino Verga Danza.
E’ nell’opera Aida al Teatro Lirico di Cagliari. Perfeziona i suoi studi a Londra (Theo Clinkard) e Berlino. Conduce laboratori sul movimento (Leipziger Tanztheater). Lavora in Standing Monteverdi di Benedetto Sicca e ACROSS THE BORDER e Existo I am! I dream! di Antonello Tudisco.

Sto caricando la mappa ....
Gli uomini sono strade...