Danza Sensibile Claude Coldy

Danza Sensibile

on March 20 | in Long-standing projects | by | with No Comments

Con la sessione di lavoro dell’ottobre 2013 è iniziato a L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino un primo percorso di formazione triennale (2014 – 2015 – 2016) per danzatori professionisti, attori e artisti dello spettacolo, che si concluderà nel maggio 2016. Il percorso formativo è articolato in nove movimenti, della durata di sei giorni ciascuno (7-13 ottobre 2013; 24-29 marzo 2014; 12-17 maggio 2014; 6 – 11 ottobre 2014; 23 – 28 marzo 2015; 11 – 16 maggio 2015; 9 -15 novembre 2015; 7-13 marzo 2016; 9-15 maggio 2016).

Ad ottobre 2016 (28 – 30 ottobre) con un seminario introduttivo si è formata la classe che seguirà un nuovo triennio di formazione (2017 – 2019), che sarà articolato in nove movimenti:

sessione I°    29 marzo – 5 aprile 2017
sessione II°  31 maggio – 7 giugno 2017
sessione III°  4 ottobre – 11 ottobre 2017
sessione IV°  16 marzo – 21 marzo 2018
sessione V°     1 giugno –  6 giugno 2018
sessione VI°  5 ottobre – 10 ottobre 2018
sessione VII°  15  – 22 marzo 2019
sessione VIII°  31 maggio  – 7 giugno 2019
sessione IX°  4  – 11 ottobre 2019

Attraverso le tecniche della Danza Sensibile, l’obiettivo del corso è di porre le basi per la preparazione di un corpo e di una mente che possano – nella consapevolezza delle proprie potenzialità – generare un linguaggio creativo nutrito di intensità e di verità, in armonia con le strutture del corpo, per servire pienamente il dialogo intimo fra il danzatore e lo spazio scenico.

La Danza Sensibile è una pratica di movimento cosciente che intende condurre ad una maggiore conoscenza di sé, del proprio corpo, delle proprie sensazioni ed emozioni. Tale pratica allena corpo e mente all’ascolto profondo dei messaggi del corpo. Essa propone inoltre di rivisitare alcune tappe fondamentali dell’evoluzione, rivivendo consapevolmente il processo di verticalizzazione dell’essere umano, in maniera da ritrovare il senso e la potenzialità contenuti nella forma e nella struttura dei nostri corpi, e della loro memoria evolutiva. Questa pratica offre di confrontarsi con le risposte inattese che emergono spontaneamente dal corpo, di riattualizzarle nella nostra relazione al presente, aprendo nuove possibilità di espressione.

La DS propone di partire dall’ascolto sottile per danzare lo spazio interno ed esterno e vivere la propria danza dell’attimo presente, frutto del dialogo dinamico tra sensazione, movimento interno e la loro espressione danzata.

Claude ColdyAll’età di vent’anni, dopo gli studi tecnologici, scopre la danza. Si appassiona e si forma a Parigi in danza contemporanea classica e jazz. Segue anche una formazione di attore e di mimo e prende parte a vari spettacoli in ambito teatrale, televisivo, cinematografico partecipando a vari festival di danza internazionale. Nel 1982 si dedica alla coreografia e all’insegnamento e fonda la compagnia Arbalete di Genova, con la quale si esibisce in Europa. Nel 1986 scopre un nuovo movimento dell’osteopatia francese “movimento atman” con gli osteopati, Gerard Montet, Jean Luc Gehant, Jean Louis e Marie Dupuy. Nel 1990 crea la Danza Sensibile con Jean Louis e Marie Dupuy. Studia l’ecologia relazionale con lo psico-sociologo e scrittore Jaques Salomè; la biologia del comportamento con lo psicologo Jean laude Badar, allievo di Reich Geerd Hammer. Fa esperienza di gestalt “il viaggio dell’eroe” con uno dei padri della gestalt moderna, lo psicologo americano Paul Rebillot.

Appuntamenti nuovo triennio 2017 – 2019

Nessun evento in programma

Comments are closed.

« »

Gli uomini sono strade...