D.E.A. | Dimora di Esposizioni d’Arte

on 1 Aprile | in Sguardi | by | with No Comments

Il Teatro si fa Dimora delle arti visive e si apre a nuovi sguardi d’autore. In accordo con il nostro essere, la storia sia ambientale sia culturale che caratterizza L’arboreto come un ecosistema che accoglie in armonia un insieme di relazioni, di rapporti tra più discipline come succede per le tante e diverse specie arboree, abbiamo dato vita a un nuovo progetto.

Crediamo che l’organizzazione e la promozione delle attività culturali siano strumenti chiave per la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio culturale disponibile sul territorio, e non solo. Crediamo che il desiderio di conoscere sé stessi come singoli ma anche come parte di un progetto civile e storico e culturale che ci rende comuni debba accompagnare anche la nostra visione di laboratorio che si apre a molteplici esperienze di visioni. Crediamo anche che, in un’epoca come la nostra fortemente segnata dalla necessità di momenti di aggregazione e incontro sociali sia necessario sempre di più creare dei luoghi di comunità.

D.E.A. e il Teatro Dimora saranno quel luogo di incontro, una galleria d’arte temporanea che nasce con lo scopo di aprire un dialogo fra il territorio e il teatro.

D.E.A. è l’acronimo per Dimora di Esposizioni d’Arte. Con l’intento di creare un circuito di relazioni e scambi tra artisti visivi e artisti in residenza il foyer diventa palcoscenico degli immaginari attraversati dagli artisti. Ad abitare temporaneamente lo spazio che limita la scena saranno le opere di artisti che hanno scelto il nostro territorio e le zone limitrofe come habitat di vita. Il Teatro Dimora e le loro opere accompagneranno gli spettatori, e tutti i nomadi del teatro, durante le aperture pubbliche delle residenze. Ogni esposizione durerà alcuni mesi.

 


 

Simone Rossi
Pagine di terra

sabato 28 agosto, ore 20.30*
vernissage mostra

Le opere che compongono il percorso Pagine di terra di Simone Rossi, sono visibili*, da sabato 28 agosto al 10 dicembre, in occasione delle prove aperte al Teatro Dimora, alla presenza dell’artista e della curatrice del progetto D.E.A. Francesca Giuliani, oppure telefonando al numero 329.9749972.

 

 

Pagine di Terra è il resoconto figurativo dell’indagine di Simone Rossi sui luoghi delle origini. Le opere sono realizzate con le materie prime, quali argille, recuperate nei territori fra Marche e Romagna. Partito dallo studio delle maioliche, lo stile più originale dell’artista affiora dal percorso creativo di questa installazione: è qui che il suo personale linguaggio fa riaffiorare, attraverso una ricerca specifica sulla composizione materica, l’inconscio, portando in luce un immaginario che appoggia le radici fin dai primi ricordi dell’infanzia.


Simone Rossi, nasce a Urbino nel 1966 e si forma alla Scuola del Libro di Urbino, consolidando la sua arte nel laboratorio del babbo. Da vent’anni a questa parte coniuga la sua personale disciplina artistica con l’educazione nel sociale. Vive la propria creatività lungo il suo speciale pendolo dell’ordine e del caos, disciplina e arbitrio, meditazione e impulso. Meta: l’armonia dell’anima.

 

Si potrà accedere alla mostra da un’ora prima della prova aperta fino all’ora successiva al termine della prova.
*Prenotazione obbligatoria
In ottemperanza ai protocolli sanitari, l’accesso all’esposizione sarà consentito solo ad un numero limitato di partecipanti muniti di Certificazione Verde COVID-19, con obbligo di iscrizione alla mail: teatrodimora@arboreto.org indicando nome, cognome, numero di telefono.

Comments are closed.

« »

Gli uomini sono strade...