La manutenzione dei teatri – Piccoli teatri e grandi pubblici?

Data / Ora
10 novembre 2017

Categoria



La manutenzione dei teatri
mettere in vita e in sicurezza le funzioni progettuali dei teatri

Piccoli teatri e grandi pubblici?
il ruolo e le prospettive dei cittadini e degli spettatori nelle relazioni con i piccoli teatri e le comunità della provincia italiana

a cura di Fabio Biondi, Elena Di Gioia

Incontro sulle politiche culturali nei territori e nelle comunità dell’Emilia-Romagna; relazioni fra processi creativi, residenze e produzione di nuove opere contemporanee; spettacoli e formazione del pubblico tra programmazione e progettualità.

promosso da
L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino
Europa Creativa progetto europeo A Manual on Work and Happiness
La Valle dei Teatri – Rete Teatrale Valconca
ATER – Circuito Multidisciplinare dell’Emilia-Romagna

con la collaborazione di
Regione Emilia-Romagna – Assessorato alla cultura
Rete Teatrale Valmarecchia
Agorà – Stagione teatrale della Unione Reno Galliera

 

L’incontro pubblico, rivolto ad amministratori, operatori, artisti, cittadini, spettatori si svolge all’interno del progetto europeo A Manual on Work and Happiness, finanziato da Europa Creativa; promosso e sostenuto da Rete Teatrale Portoghese Artemrede, Teatro Pubblico Regionale di Patras, Festival Pergine Spettacolo Aperto, L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino; con la collaborazione della compagnia portoghese  mala voadora e dello scrittore e drammaturgo spagnolo Pablo Gisbert.

Una riflessione dedicata ai cittadini e agli spettatori che nelle relazioni fra teatri e comunità possono assumere un ruolo attivo e propositivo. Una riflessione dedicata agli spettatori che nelle relazioni fra teatri e comunità hanno scelto, desiderato, di svolgere un compito importante per la qualità delle relazioni. Una riflessione dedicata al pubblico _ informazione, formazione e trasmissione del sapere _ che nelle relazioni con gli spettacoli dal vivo, le opere e la cultura delle arti sceniche contemporanee, possono assumere un ruolo determinante per il “successo” dei progetti.

Dalla metà degli anni ’70, l’Italia è caratterizzata da uno specifico culturale che ha contributo a qualificare la vita teatrale e culturale del nostro Paese: piccoli teatri di provincia. Teatri storici e moderni per lo più abitati da associazioni culturali, artisti e compagnie teatrali che hanno trasferito la propria residenza, con un ricco e diversificato bagaglio di competenze artistiche e organizzative, in grado di rappresentare solidi presidi culturali.

Teatri che svolgono un’intensa e originale programmazione di “Stagione Teatrale” e, contemporaneamente, in molti casi, anche il ruolo di avamposti culturali, luoghi di accoglienza e cura dei processi creativi contemporanei, residenze creative per la ricerca, la formazione e la produzione di nuove opere; formazione del pubblico, per adulti e bambini.

Contenitori e progetti che si propongono di definire delle relazioni di qualità, di senso compiuto, fra artisti, operatori e spettatori: progetti d’arte condivisi _ con e per _ le comunità di riferimento che si trasformano in “comunità creative”, dove i cittadini svolgono un ruolo attivo e propositivo.

Diversamente dalle Stagioni Teatrali dei grandi teatri delle grandi città, nei piccoli teatri di provincia aumenta notevolmente la quantità e la qualità del pubblico, unitamente al sentimento di condivisione delle scelte artistiche e organizzative dei direttori artistici e delle Associazioni culturali che assumono la cura dei teatri, degli spazi teatrali e delle programmazioni; con la collaborazione vitale, feconda, delle Amministrazioni comunali e della Regione Emilia-Romagna.

Inoltre, in diverse realtà, i piccoli teatri di provincia svolgono anche la funzione di laboratori del contemporaneo per lo studio e la pratica, la sperimentazione e l’innovazione dei processi creativi delle arti sceniche contemporanee.

Nel corso del tempo, le solide e fragili realtà di provincia, di periferia, hanno compreso (anche) il valore del limite e del margine, qui inteso come un valore aggiunto per la composizione di visioni poetiche e interrogativi necessari per le contraddizioni del presente, del proprio tempo.

Progetti di lavoro e di convivio, originali e innovativi, che hanno permesso inoltre di ottimizzare e capitalizzare le risorse delle singole realtà; le diverse esperienze delle province italiane e le specifiche relazioni fra teatri e territori, con l’intento di creare altre e nuove occasioni di ascolto e di dialogo, le Reti Teatrali, per la produzione di azioni condivise e la valorizzazione dei territori e delle comunità, della natura dei progetti e la cultura dei luoghi.

 

Per partecipare all’incontro è necessario confermare la propria presenza entro martedì 7 novembre

info@arboreto.org – 0541.624003; 331.9191041

 

_ _ _ _

 


Programma

– Mattino –

Testimoni con diritto di parola
L’incontro prevede la partecipazione di alcuni ragazzi e ragazze in rappresentanza dei progetti regionali di “Direzioni artistiche under 30”: La Konsulta, Teatro dei Venti Modena; Le Avanguardie, Kepler-452 Festival 20 30 Bologna; Direction Under 30, Teatro Sociale Gualtieri.
A loro è affidato il compito di intervenire ogni qualvolta ne sentano la necessità e di porre degli interrogativi ai partecipanti.

Ore 9.30 – 10.00 Saluti istituzionali
Enrico Chiaretti Assessore alla cultura di Mondaino
Mirna Cecchini Sindaco di San Clemente – Unione Valconca
Ilenia Malavasi Presidente ATER

Ore 10.00 – 10.30 Il ruolo degli Amministratori nella costruzione dei progetti di rete
Michela Bertuccioli Assessore alla cultura di San Giovanni in M. – La Valle dei Teatri – Rete Teatrale Valconca
Elena Vannoni Assessore alla cultura di Novafeltria – Rete Teatrale Valmarecchia
Belinda Gottardi Presidente Unione Reno Galliera

Ore 10.30 – 11.00 Cosa pensiamo quando diciamo piccoli teatri di provincia e di comunità
Fabio Biondi Direttore artistico Teatro Dimora Mondaino, Teatro Sociale Novafeltria
Elena Di Gioia Direttrice artistica Agorà stagione teatrale dell’Unione Reno Galliera

Restituzione dei contributi pubblicati sul blog SguarDimora e altre piattaforme digitali dello spettacolo dal vivo in Emilia-Romagna.

Coffee break

Ore 11.30 – 12.15 Quali relazioni fra il centro e le periferie. Come comporre nuove centralità
Donatella Ferrante Responsabile attività teatro e danza MiBACT Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Claudio Longhi Direttore ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione
Antonella Agnoli Assessore alla cultura di Lecce
Roberto Naccari Direttore generale Santarcangelo dei Teatri

Ore 12.15 – 12.40 Sguardi critici
Gerardo Guccini
Il secolo di mezzo dell’innovazione italiana. Dal radicamento dei gruppi alle drammaturgie di relazione

Ore 12.40 Conclusione prima parte dell’incontro
Massimo Mezzetti Assessore alla cultura Regione Emilia-Romagna

Ore 13.00 – 14.30 Convivio nel foyer del Teatro Dimora

 

– pomeriggio e sera –

Testimoni con diritto di parola
L’incontro prevede la partecipazione di alcuni ragazzi e ragazze in rappresentanza dei progetti regionali di “Direzioni artistiche under 30”: La Konsulta, Teatro dei Venti Modena; Le Avanguardie, Kepler-452 Festival 20 30 Bologna; Direction Under 30, Teatro Sociale Gualtieri.
A loro è affidato il compito di intervenire ogni qualvolta ne sentano la necessità e di porre degli interrogativi ai partecipanti.

Ore 14.30 – 15.00 Sguardi critici
Lorenzo Donati
Perché il teatro?

Laura Gemini
Osservare il pubblico del teatro contemporaneo: prime note di indagine fra nazionale e locale.

Ore 15.00 – 15.30 Contributi dal pubblico. Parole che si affacciano sui teatri

Ore 15.30 – 16.00 Gli interrogativi che muovono le invenzioni e la progettualità. Progetti di comunità
Andrea Acerbi Teatro Sociale Gualtieri
Chiara Guidi Societas
Stefano Tè Teatro dei Venti
Andrea Paolucci ITC – Teatro dell’Argine

Ore 16.00 – 16.30 Contributi dal pubblico. Parole che si affacciano sui teatri

Coffee break

Ore 17.00 – 17.30 Gli interrogativi che muovono le invenzioni e la progettualità. Progetti di comunità
Nicola Borghesi Kepler-452
Stefano Pasquini Teatro delle Ariette
Isadora Angelini Teatro Patalò
Silvia Gribaudi

Ore 17.30 – 18.00 Contributi dal pubblico. Parole che si affacciano sui teatri

Ore 18.00 – 18.30 Appunti
Testimoni con diritto di parola
a cura dei ragazzi e delle ragazze che rappresentano i progetti regionali di Direzioni artistiche under 30: La Konsulta, Teatro dei Venti Modena; Le Avanguardie, Kepler-452 Festival 20 30 Bologna; Direction Under 30, Teatro Sociale Gualtieri.

Ore 18.30 – 19.00 Stuzzichini
Chiacchiere, bere e mangiare

Ore 19.00 – 19.30 Concerto
NicoNote Emotional Cabaret

 

Scarica programma La manutenzione dei teatri (.pdf)


Sto caricando la mappa ....
Gli uomini sono strade...